Tornare “viaggiatori”, con un libro “Oltre è un Cielo in più”

Ammetto che ogni volta che si tratta di prenderei l’aereo, preferirei quasi uscire a cena con Orfini e la Boschi. Dico quasi perché la vita è bella e prima del suicidio ce ne corre. Però quando ho letto di un volume, Oltre e un cielo in più, che racconta la storia di un viaggio lungo 10mila chilometri senza aerei per arrivare dall’Isola di Skye in Scozia sino al Giappone, beh, mi sono detto, ho ancora qualche speranza. Sia di viaggiare sia di non dover attraversare conventicole sgradite. Mi sono messo sulle tracce dell’autore e, dopo averlo “scovato, l’ho intervistato.

In questo link di Green Planet News che vi riporta all’articolo potrete leggere alcune curiosità oltre a vedere le foto che narrano in forma di visione, parte della splendida traversata effettuata da Luca Sciortino, questo il nome dell’autore del volume che è giornalista, scrittore, viaggiatore, filosofo e pure fotografo.

L’ho trovato molto simile a Bruce Chatwin nella sua visione del mondo ma soprattutto in quella voglia di “essere altrove” a 47 anni. D’altra parte questa “alternativa nomade”, questa “anatomia dell’irrequietezza” di cui Chatwin ci narra portandoci a viaggiare con la mente e a dilettarci con la fantasia, ah la fantasia, è proprio l’essenza di partire, lasciandosi tutto il resto alle spalle.

Quante volte, rapiti dai nostri sogni, siamo arrivati alla sommità di un desiderio come questo? Perché ho in uggia, ma non da ora, da decenni, la globalizzazione? Perché vorrebbe toglierci il gusto di essere viaggiatori per trasformarci in turisti di massa, in schiere di consumatori compulsivi dall’occhio spento.

Ricordo la sensazione di stupore e di meraviglia quando in R4 GTL giravo per l’Europa e, oltrepassando ogni frontiera di paese diversa, mi coglieva la sensazione dell’esotico anche a Bressanone. Oggi invece l’esotico si è trasformato in “esostico”, tutto uguale e pesante come un caterpillar, incomprensibile come l’euro, un volume come questo ci riconsegna al piacere di tornare un po’ viaggiatori.

Questa è e sarà sempre la nostra resistenza.
Buona lettura.

 

Annunci

5 pensieri su “Tornare “viaggiatori”, con un libro “Oltre è un Cielo in più”

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.