La “fumettistica” bellezza dell’arte di Hokusai

Il Giappone mi affascina per molteplici aspetti. Come lo spirito dell’antica etica samurai di cui porto un simbolo tatuato sul braccio: l’ideogramma, lo stigma della compassione verso tutti gli esseri, uno dei sette concetti del Bushido di cui tornerò a parlarvi con un approfondimento degno.

Del Giappone parlo nel link che vi segnalo.
Vi riporta al mio sito http://www.scrittoreinviaggio.com di cui potete vedere la pagina Facebook nella colonna a destra. Il sito è forse più curato dal punto di vista grafico ma meno interattivo e più statico. Per questo mi piace meno.

Qui, tra di noi, in questo spazio, nel blog,  “interagisco” con voi e con le vostre riflessioni, nel sito, scaglio un sasso nel mare.

Sperando di non dispiacervi, vi allegherò ogni tanto qualche link che vi riporterà ai due spazi che curo, sia Green Planet Edizioni che Scrittore in viaggio, il sito.

Ho pensato di agire in questo modo per non proporvi duplicati che potrebbero annoiarvi anzi cercando ogni volta di differenziare e presentarvi nuove letture. Se possibile, interessanti.

Nel link, vi racconto della mostra dedicata al maestro Katsushika Hokusai, rappresentante dell’ukiyoe, che deve la sua principale popolarità alla Grande Onda e alle vedute del Monte Fuji.

Un artista che influenzò gli artisti parigini di fine Ottocento, i protagonisti del Japonisme e che da oggi sino al prossimo 14 gennaio 2018 sarà possibile ammirare al Museo dell’Ara Pacis di Roma.

Il mondo “fluttuante” e “fumettistico” di Hokusai con le sue donne di piacere avvolte nei kimono multicolore e i suoi straordinari paesaggi continua a farmi sognare.

Buona lettura e buona serata.

http://www.scrittoreinviaggio.com/in-mostra-il-mondo-fluttuante-di-hokusai/

Il fascino fumettistico di Hokusai

Il fascino fumettistico di Hokusai

 

Annunci