Fuori casa

Fuori casa,
sul crinale,
c’erano scosse,
tra smisurate scie.
In un costato estivo,
impastavo veglie,
mentre consegnavo a notti insonni,
trincee,
di cieli in fiamme.
L’isola mi portava in dono,
scalinate d’ebano
e tritoni ubriachi,
tra solitudine sacra
e sirene,
in orgiastica armonia.
Geometrie d’acqua
annunciavano il silenzio, abissale,
della distanza,
con il rumore,
vano,
del mondo.
Per disarmare,
con accurata ingenuità,
ogni perdita,
conferendo pienezza,
delirio e rapimento
ad ogni vuoto,
da irridere
Ponza Estate Giugno 2016

 

Annunci

3 pensieri su “Fuori casa

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...