Non so

16-ostia-1-novembre-2016

Non so,

se scintillare di ali o di vele.

Importante è fiorire.

O cadere.

Con una piuma di bagliore.

In sinergia di sé.

Agognando, forse, chissà quali metafisiche.

O solo star fermi

nel guscio del caldo che fa crescere il grano.

O anche morire

Di luce.

In attesa di perle.

Al divenire che si fa flutto

nel vasto nulla del silenzio,

opporre una discreta fessura

che dall’ombra arrechi

qualche rivelazione.

E da realtà

squarci

un atto di essenziale grazia

Annunci

Sovrapposte scintille

Carne fatta
di sovrapposte scintille
è l’attimo
che genera l’assoluto
in briciole
per affamati uccellini.
Temo di non possedere
realtà
se non in quel brivido che acceca
nel sentirlo quel groppo, quel pugnale in gola,
che però,
è il bandolo della matassa
quando nel cuore sembra
pulsare
una evanescente cupola di brina.
Sveglia la pupilla
il fulgore
di un fuoco astrale
che danza,
in un sorso
ai confini dell’invisibile
ed è terra, orizzonte, è profumo di verità…

 

3-ostia-1-novembre2016

Albe

scoziadunnottarcastle10

È nel sole del mattino
che si nasconde un principio d’eternità.
Cospirazioni cromatiche
dispiegano vele
con sembianze d’illimitato.

La fine e l’inizio.
Grovigli inconsapevoli
conferiscono metafisiche solitarie
a strade quotidiane.
Mentre scorrono nuvole
su scogliere di pietra.

Gibigianna in briciole.