Un desiderio di trincea

Dal crivello
dell’ingrommata gola
fuoriesce
aspro
un desiderio di trincea
che non si sgretola
nè è impedimento.
Ravvedo nugoli
di siepi.
Sciami di lucciole
non cascami
senza mulinello
nè risucchio.
Ammucchio pasta d’ali
in un presente cuore
e respiro,
un segreto firmamento
che diventa
filo e squarcio
con ciò che sento
e con il mondo.
Muto
come un frammento.
C’è speranza
di una luce
che faccia trama e ordito
oltre l’ispessito freddo
della falsità …

© Daniele Del Moro 2016

 

scoziadunnottarcastle15

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...